Amianto: i rischi di un materiale multiuso

Premesse

Tutti noi siamo abituati ad identificare l’amianto con le tipiche lastre ondulate prodotte dall’azienda “Eternit”, ma l’amianto (o asbesto) ha rappresentato nel corso del tempo un materiale versatile e utilizzabile per molteplici funzioni.

La sua pericolosità, dovuta alla sua struttura microfibrosa, è inoltre oramai accertata ed è bene quindi conoscere tutti gli usi per i quali nel tempo è stato utilizzato, per poter valutare gli interventi di bonifica da attuare quando si interviene su di un edificio dismesso, realizzato tra gli anni ’60 e gli anni ’90.

Gli usi dell’amianto

Le principali caratteristiche del materiale come la facile lavorabilità e l’alta resistenza al fuoco ne hanno fatto un materiale versatile, utilizzato sia da solo che assieme ad altri materiali, quali il cemento o le plastiche.

Di seguito elenchiamo i principali manufatti dove tale materiale è stato impiegato:

  • lastre piane o ondulate
  • tubi per acquedotti o fognature
  • tegolature
  • canne fumarie
  • intonaci (rivestimento a spruzzo su travi in acciaio)
  • vasche di riserva per acqua
  • isolante termico
  • materiale fonoassorbente
  • controsoffitti
  • pavimenti in vinil-amianto
  • sottofondo per pavimenti in linoleum
  • freni, frizioni, schermi parafiamma e guarnizioni
  • vernici e mastici
  • coibentazioni in genere
asbestos pipes for water draining.

Dove troviamo l’amianto

Affrontando il tema del recupero degli edifici è bene sapere oltre all’utilizzo per oggetti anche la destinazione finale degli stessi. Troviamo i predetti oggetti in:

  • cinema
  • chiese
  • mense
  • ospedali
  • palestre
  • ristoranti
  • scuole
  • teatri
  • autorimesse
  • carrozze ferroviarie
  • centrali elettriche e termiche
  • navi
  • capannoni industriali
  • abitazioni

Conclusioni

Come già premesso affrontando il tema amianto ed i suoi usi ci troviamo di fronte ad una forte penetrazione dello stesso nei diversi ambiti della vita quotidiana.

Questo vuol dire che bonificare un sito comporta un’alta probabilità di trovarsi di fronte a questo materiale,e si rende quindi estremamente importante inserire la sua ricerca nelle fasi iniziali delle indagini ambientali.

Infatti vista l’alta probabilità di trovare questo materiale un po dappertutto fare le indagini in fase preliminare mette a riparo da bonifiche onerose in fase successiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.